Versione Italiana  English Version ContattiF.A.Q.Riservatezza
SCRIVICI Aggiungi ai preferiti
Spedizione
Chi siamo
Vini Vintage
Offerte speciali
I tuoi Acquisti
RICERCA VINO PER
 
NOME
Nome del Vino
Ricerca veloce
Valuta 
Poderi Colla Barolo Bussia Dardi Le Rose
Poderi Colla Barolo Bussia Dardi Le Rose
 
Poderi Colla Barolo Bussia Dardi Le Rose
2003
 
Vino d'altissima qualità ad un prezzo veramente eccezionale. Un'occasione da non lasciarsi sfuggire.
Annata2003
Gradazione13.5 %
Contenuto0.75 l.
TipologiaPasto
ClassificazioneDOCG
UvaNebbiolo 100%, sottovarietà Lampia 40% e Michet 60%
GustoNote minerali e animali ne completano la struttura, la complessità propria della zona della "Bussia", la ricchezza d'insieme paragonabile alla potenza di un'orchestra
ColoreColore tipico del nebbiolo nella massima espressione: rosso rubino intenso e tramato, con sfumature chiare e sottili.
ProfumoInvitante già alla vista, si presenta con un profumo molto complesso che denota carattere e personalità molto decisi, senza però aggressività
AbbinamentoIl Barolo può essere apprezzato frequentemente con piatti di carni rosse e selvaggina da pelo ma, perché no, con piatti di pesce molto ricchi, tipo il rombo al forno, piuttosto che per una cena a base di formaggi ricercati
Temperatura di servizioTemperatura di servizio 17/19° - Calice molto ampio - Consigliabile scaraffarlo al momento del consumo per opportuna aerazione nel caso di annate molto vecchie.
Epoca di vendemmia10-20 Ottobre
 
L'OPINIONE DI THE CELLAR DOOR
 
Annata a quattro stelle considerata eccezionale
La sottozona Dardi di Bussia è storicamente considerata come uno dei grandi cru di Barolo. Viene citata, tra l'altro, nella "Monografia sulla Viticoltura ed Enologia nella Provincia di Cuneo" di L. Fantini del 1880 e, più recentemente, nell' Atlante delle Grandi Vigne di Langa edito nel 1990 da Arcigola Slow Food, tra le posizioni più qualificate

Punteggio: 90/100
Con 90 punti su 100 il Barolo Bussia ben si caratterizza con l'aggettivo "eccezionale" Con un profumo molto complesso che denota carattere e personalità molto decisi e dal gusto ben strutturato.

Poderi Colla Barolo Bussia Dardi Le Rose 2003
 
 
Poderi Colla
 
L'attaccamento alle proprie radici, quelle di una famiglia da generazioni legata alla viticoltura, ed il desiderio di costruire qualcosa di personale nel rispetto delle tradizioni, hanno spinto nel 1993 Tino Colla e la nipote Federica ad unire le forze per creare una nuova realtà vitivinicola nel panorama delle Langhe albesi. La Poderi Colla è composta dalle aziende Cascine Drago di Alba, Tenuta Roncaglia di Barbaresco e Azienda Agricola Dardi le Rose di Monforte. Tre proprietà in posizioni ottime, specializzate ciascuna nella produzione di diverse tipologie di vino, in un panorama quasi completo dell'enologia albese. Fondamentale è la collaborazione di Beppe Colla, fratello di Tino e padre di Federica, che apporta la sua unica ed appassionata esperienza di cinquant'anni di lavoro ad altissimo livello nella produzione dei grandi vini rossi dell'Albese. La totalità del vino, circa 150.000 bottiglie annue, viene prodotta con uve di proprietà, per maggiore garanzia di controllo diretto in ogni passaggio, dalla coltivazione del vigneto,alla vinificazione, alla maturazione, fino all'imbottigliamento.
Città
Alba (CN)
Poderi Colla
 
Piemonte
 
Piemonte
Vendemmia
Il 2000 è l'anno da superare e insieme al 1998 è considerato la migliore vendemmia degli ultimi 10 anni. Il prodotto di questi anni, dai maggiori produttori quali Giocosa, Gaja, Clerico, Voerzio, Conterno, viene venduto per centinaia di dollari all'asta.

Tre anni consecutivi di vendemmia a 5 stelle hanno sicuramente aiutato a portare la regione all'attenzione internazionale (96 - 97 - 98) ed è vicino il momento di un'altra era d'oro.

Le migliori vendemmie in questo millennio sono quelle del 2001 e del 2004, comunque, tutti gli anni tra questi due raccolti hanno prodotto vini di alta qualità in alcune vigne ma l'eccellenza non è stata raggiunta da tutti.

Varietà di vini
I vini del Piemonte non hanno bisogno di presentazione, il famoso "quartetto" costituito dal Barolo, dal Barbaresco, dal Barbera e dal Dolcetto tengono alta la bandiera dei rossi della regione insieme al vino spumante di Asti il più popolare al mondo.

Il Barolo è, tradizionalmente, il vino più celebrato d'Italia, ma negli ultimi anni questo titolo viene messo in discussione per il notevole miglioramento del Brunello di Montalcino toscano. Il Barolo viene prodotto con la famosa uva Nebbiolo ed è coltivato nelle Langhe, a sud est di Alba. Il colore del vino varia da un intenso rosso rubino ad un rosso mattone chiaro dipende dal produttore e dalla vendemmia.

Il Barbaresco è un altro vino rosso italiano tra i più famosi, anch'esso prodotto con l'uva Nebbiolo. Il vino non è forte come il Barolo ma può essere molto più elegante e raffinato. Il Barbaresco non matura così a lungo in botte come il Barolo e il suo bouquet è naturalmente più forte. Il Barbaresco è un vino di qualità, è improbabile che un Barbaresco non sia buono.

Il Barbera costituisce più della metà del rosso bevuto in Piemonte. L'uva è molto ricercata perché permette al vino prodotto di invecchiare in botti di quercia e può produrre vini che sono fruttati e acidi o bilanciati/equilibrati e complessi. Questo è un vino che può cambiare dal superbo al pessimo perfino nelle stessa vendemmia. Non è un vino costoso, può essere divertente cercare di trovare il Barbera perfetto.

Il Dolcetto è il vino dei locali, il che vuol senz'altro dire che è eccellente e un po' trascurato. I Piemontesi bevono il Dolcetto con diversi tipi di cibo e persino come vino da dessert. E' un vino semplice, fruttato, godibile e poco costoso.

Il Nebbiolo è considerato la vite italiana più nobile e produce vini di qualità eccezionale. Vini unici, come il Nebbiolo d'Alba, sono brillanti espressioni dell'uva e possono essere poco costosi rispetto alla qualità. Un altro vino famoso prodotto con l'uva Nebbiolo è il Gattinara, con il Gattinara Riserva, uno dei vini più costosi della regione.

L’Asti è “lo” spumante aromatico per eccellenza, derivato da una tecnica inventata e perfezionata in Piemonte che permette al vino di conservare il caratteristico aroma dell’uva. (Moscato bianco) La zona di produzione è compresa nei territori dei 52 comuni delle province di Asti, Cuneo ed Alessandria La D.O.C.G. “Asti” è riservata a due vini: il vino spumante (“Asti” o “Asti spumante”) e il vino bianco non spumante (“Moscato d’Asti”) La scelta tra i due è dettata dalle preferenze soggettive, in quanto si abbinano perfettamente con tutte le torte e la pasticceria fresca e secca.

Varietà di uve
Sebbene nella regione vengano usate le uve Cabernet Sauvignon - Chardonnay - Pinot Nero - Cabernet Franc, il Piemonte è famoso per la varietà Nebbiolo. Quest'uva è sinonimo della regione e i vini piemontesi sono la migliore espressione dell'uva ovunque nel mondo.

Produttori
In questa sezione sono menzionati solo i migliori produttori e quelli che portano qualcosa di diverso alla regione.

Elio Altare è un appassionato produttore che ha prodotto il Barolo più forte degli ultimi anni. I vini di questa cantina sono pieni di stile e hanno note di cuoio e tabacco e sono sempre bilanciati. Altare produce solidi vini Barolo, Barbaresco, Dolcetto e Barbera ogni anno quasi senza eccezione.

I vini Azelia sono prodotti da una cantina che vinifica esclusivamente uve provenienti da vigneti di proprietà. Lo stile di lavorazione dei vini ricalca i buoni criteri delle piccole cantine con grande cura per le vigne ed attenzione in cantina dove il rispetto per la tradizione non esclude l'apporto delle tecniche moderne. Si produce una delle migliori qualità di Barolo sul mercato, il brillante Luigi Scavino ha aggiunto anche un buon Dolcetto d'Alba e un Bricco dell'Oriolo alla gamma Azelia.

Enzo Boglietti ha i numeri per competere in Piemonte, appassionato, abilissimo, è sicuramente una delle stelle della regione. Il suo fantastico Barolo rivela aromi intensi, puliti e raffinati di ciliegia, violetta, confettura di fragole e lamponi seguiti da buoni aromi di cioccolato, cuoio, liquirizia, mentolo e tabacco. E' certamente un Barolo che si ricorderà e conserverà.

Comm G. B. Burlotto merita sempre di essere menzionato. Non è il più grande produttore ma è famoso grazie alla qualità e alla meravigliosa storia di questa cantina che produce dal 1850. Burlotto forniva il Barolo ai Savoia e produce un Barolo floreale che è eccellente ed è famoso per la sua notevole completezza.

Ceretto è una delle migliori tenute piemontesi, amministrata dai fratelli Bruno & Marcello (Ceretto). Questa cantina produce molto vino e di diverse varietà. Tutte sono famose e di altissima reputazione nella regione. La cantina è famosa per le sue quattro diverse qualità di Barolo, il Barolo Bricco Rocche, il Barolo Rocche Prapo, il Barolo Asili Bernadot e il Barolo Bricco Roche Brunate. La cantina produce anche altri vini e un notevole Riesling.

Domenico Clerico produce un moderno Barolo ed è la tenuta migliore nel Monforte. Questi vini Barolo hanno un alto tasso alcolico, ma bilanciati con note di spezie e ciliegie nere. Questi sono vini considerevoli che hanno un alto potenziale di invecchiamento perciò è meglio conservarli per almeno 10 anni.

Aldo Conterno al contrario di Domenico Clerico produce il Barolo in modo tradizionale; uno dei migliori vini Barolo sul mercato. Questi sono i classici vini Barolo terrosi del passato. Il Barolo Bussia è il miglior vino della cantina.

Gaja sono i migliori produttori di Barbaresco della regione e i loro vini sono eccezionali. Questa cantina è il punto di riferimento per tutti gli altri vini Barbaresco e produce altri grandi vini (la vigna produce uve nebbiolo, cabernet sauvignon e chardonnay). Una ditta molto professionale e lungimirante.

Bruno Giacosa è il re del Piemonte, soltanto Gaja gli tiene testa. Queste due cantine sono l'orgoglio della regione ma è il Barolo di Giacosa di cui si parla a livello intenazionale. Giocosa produce diversi vini sebbene la cantina sia famosa per i Barolo e i Barbaresco. Giocosa produce anche vini più economici, una più semplice espressione del Nebbiolo, come il Barbera e il Dolcetto.

Mascarello Bartolo è da lungo tempo il re del Barolo. Potrebbe essere considerato il miglior produttore di Barolo oggigiorno. I suoi vini sono sempre in competizione per le migliori valutazioni nella regione e sono eccellenti. Sono vini molto aromatici, dal floreale allo speziato e tutti vengono passati in botti di quercia della Slavonia

Poderi Colla è uno dei più grossi produttori piemontesi. Tutti i suoi vini beneficiano dell'area in cui vengono prodotti che dà loro un particolare retrogusto di minerale, piacevole al gusto. Poderi Colla produce una gamma di vini, tra i quali il Bricco del Drago, il Barolo Bussia Dardi le Rosa e il Barbaresco Roncaglia veramente degni di nota.

Travaglini Giancarlo è un grande produttore, molto importante in Piemonte. I suoi vini ricevono spesso i voti migliori da parte degli esperti. Sono vini complessi per la cui produzione si dà importanza anche al minimo dettaglio, per questo essi raggiungono sempre il loro potenziale, persino quando la vendemmia è scarsa. Il vino più conosciuto è il "Gattinara Riserva".

Roberto Voerzio - una piccola tenuta che punta alla qualità non alla quantità. Tutti i vini di questa cantina sono eccellenti e viene prodotta una vasta gamma di Barolo in numero limitato. Sono vini esclusivi che raggiungono prezzi alti all'asta e si conservano molto bene. Compatti strutturalmente, sono vicini al Barolo perfetto.
Note sul Piemonte
E' sorprendente che il Piemonte sia soltanto la settima regione produttrice in Italia se si considerano tutti i vini famosi che produce, ma ad una verifica più attenta è sempre stato chiaro che in Piemonte l'aspetto più importante riguarda la qualità, e molti produttori tendono a mantenere la tradizione del passato nel fare vino. Poiché "l'uva nobile" è il Nebbiolo, i produttori non realizzano certi vini se la vendemmia non è all'altezza dei soliti standard. La regione è molto orgogliosa della sua storia di produttrice di vini e non le dispiace "l'amichevole" rivalità con la Toscana per la reputazione di miglior regione produttrice di vini in Italia.

I vini del Piemonte sono caratteristici ma possono essere considerati meno accessibili di quelli della Toscana. Il Barolo e il Barbaresco sono considerati vini d'elite, sempre amati dai conoscitori; questa è la reputazione goduta da alcuni produttori che possono vendere il vino oltre 150 dollari la bottiglia, ma preoccupa altri che temono che i vini del Piemonte non stiano incoraggiando la nuova generazione di appassionati di vino.

Il tempo dirà se i vini del Piemonte conquisteranno lo stesso successo di cui ha recentemente goduto la Toscana.

 

Offerte speciali

Le nostre migliori occasioni per tutte le tasche

Bianco e Rosso

Vini d'annata

I migliori vini che l'Italia ha da offrire.
Cerchi il meglio?

Ricerca mirata

Guida dei cibi

Fidati dei consigli di Giuseppe sui migliori abbinamenti coi tuoi vini.
CALL CENTER: 0039 085 6921659 * 10am-12am , 4pm-7pm CET (GMT+1), Sat: 10am-12am CET (GMT+1)
E-MAIL: info@thecellardoor.it
Termini e Condizioni |  Contatti |  F.A.Q. |  Riservatezza |  Vini Vintage |  Offerte speciali |  Spedizione |  Chi siamo |  Vini: Rosso |  Vini: Bianco
Copyright © 2009 The cellar Door srl. Tutti i diritti riservati.

PODERI COLLA BAROLO BUSSIA DARDI LE ROSE 2003 - VINO - Poderi Colla Piemonte

vini rossi e bianchi direttamente dalle cantine italiane

The Cellar Door è una compagnia italiana che vende vini rossi e bianchi direttamente al consumatore a tariffe imbattibili fornendosi direttamente dalle cantine italiane. Il vino arriva direttamente a casa vostra con spedizione assicurata. Per abbracciare tutti gli aspetti del mondo del vino, iscriviti alle nostre messageboards e leggi la nostra guida al cibo per godere appieno del mondo del vino.